Con questo opuscolo che  espone alcuni tra i principali contributi di Gramsci al marxismo-leninismo proponiamo ai proletari ed agli intellettuali un lavoro di ripresa critica dei  Quaderni del carcere nel quadro di un di un progetto di auto-formazione, formazione e definizione.

Parliamo di auto-formazione perché riteniamo che questo processo debba svolgersi al servizio dei proletari, degli studenti e dei militanti che non conoscono il pensiero di Gramsci e che invece vorrebbero e dovrebbero conoscerlo. Parliamo di formazione perché pensiamo che è soprattutto nel corso di un processo collettivo che si possono realizzare avanzamenti qualitativi e trasformazioni dei punti di vista in grado eventualmente di sedimentare un livello più alto di condivisione. Parliamo di definizione perché vogliamo evitare oltre al culturalismo anche l’eclettismo, nel quadro di un lavoro che vogliamo concepire, tra vari altri, al servizio della costruzione di una nuova soggettività proletaria.

Per partecippare alla formazione scrivere alla caselle CONTATTI.

Un progetto ed una proposta di formazione sui quaderni del carcere di Gramsci